“Reddito minimo garantito contro povertà ed esclusione sociale”. Intervista a Giuseppe De Marzo

In Italia 18 milioni di persone sono a rischio povertà o esclusione sociale. Sono i dati aggiornati del centro studi Cgia di Mestre, l’Associazione Artigiani e Piccole Imprese. Un rischio povertà che al sud raggiunge livelli ancor più pesanti per un paese civile: il 55,6% in Sicilia, il 49,9% in…

Continua a leggere

Elezioni 4 marzo. Quali impegni per la libertà di informazione? Articolo21 chiama a confronto le forze politiche il 13 febbraio

«Le sottoscritte candidate e candidati si impegnano a portare l’Italia in Europa anche nel settore delle telecomunicazioni e a levare dalle spalle dell’Italia quella maglia nera che rappresenta una delle vergogne nazionali. Per queste ragioni ci impegniamo a porre nell’agenda del prossimo Governo e Parlamento: la risoluzione del conflitto di interessi, l’introduzione di una rigorosa normativa antitrust, la liberazione della Rai…

Continua a leggere

Strage di Bologna, verità e giustizia non vanno in prescrizione

Quanti decenni ci vogliono per conoscere la verità sui “misteri italiani?”. I mesi e gli anni non sono un’adeguata unità di misura quando si tratta di stragi. Bologna, Ustica, Gioia Tauro, Peteano. Italicus, Piazza della Loggia, Piazza Fontana, Rapido 904… Per nessuna delle stragi italiche si può parlare di verità…

Continua a leggere

Strage di Bologna. La rabbia dei familiari delle vittime tra archivi spariti e richieste di archiviazione. Intervista a Paolo Bolognesi

“Il palco del 2 agosto è amichevole ma bisogna essere chiari: non si possono prendere in giro per 37 anni i familiari delle vittime della strage”. Parte in quarta Paolo Bolognesi, presidente dell’associazione familiari vittime della strage di Bologna intervistato da Articolo21 alla vigilia della commemorazione. Come ogni anno Bologna…

Continua a leggere

“Se ognuno di noi prova a cambiare, forse ce la faremo”. Contro le mafie ripartiamo dalla lotta coraggiosa di Rita Atria

Ha ragione il presidente del Senato Pietro Grasso: “Conosciamo tutti le vittime della strage di Via D’Amelio eppure ne dimentichiamo sempre una: Rita Atria”. A ricordarsi di lei però ci ha pensato l’associazione che porta il suo nome e che ha organizzato una iniziativa a Roma nel 25° anniversario della sua scomparsa. In via…

Continua a leggere

Roma. Bengalese (con cittadinanza italiana) pestato per la casa popolare

Dulal Howlader è un cittadino italiano, italianissimo. Ha 52 anni e ha trascorso in Italia metà della sua vita. Lavora in un ristorante del centro di Roma dopo aver scaricato per anni frutta e verdura al mercato. E’ cardiopatico, un figlio disabile, un altro studente di ingegneria all’università. Piazzatosi al…

Continua a leggere

La madre di Ilaria Alpi a Rainews24: “La verità non la vogliono”

“La verità non la vogliono. Aspettano che io muoia così la cosa finisce finalmente per loro.” Così Luciana Alpi madre di Ilaria, qualche mese prima di morire, parlava a Rainews24 dell’assassinio della figlia e di Miran Hrovatin uccisi io 20 marzo 1994. Riascoltiamo la sua forte testimonianza nell’intervista di Stefano…

Continua a leggere

23 anni fa uccisa la giornalista Ilaria Alpi. Intervista alla madre Luciana: “i responsabili della sua morte hanno fatto carriera”

“Ho dovuto assistere alla prova di incapacità data, senza vergogna, per ben ventitré anni dalla Giustizia italiana e dai suoi responsabili. Per questo ho deciso di astenermi d’ora in avanti dal frequentare uffici giudiziari…” Sono le parole di Luciana Alpi madre di Ilaria, la giornalista del tg3 uccisa il 20…

Continua a leggere

Strage di Ustica. La figlia del radarista morto: “Mio padre non si è suicidato”

Un nuovo capitolo sulla strage di Ustica. E’ stata esumata la salma di Mario Alberto Dettori, il maresciallo dell’Aeronautica militare in servizio alla base radar di Poggio Ballone proprio quella notte. Ora si attendono i risultati. La famiglia non è mai stata convinta che si sia trattato di suicidio. Stefano…

Continua a leggere

Tragedia Rigopiano: gli amici di Faye si autotassano per riportare la salma in Senegal

Si chiama Faye Dame ed è il senegalese morto all’Hotel Rigopiano il 18 gennaio scorso. Ieri 3 febbraio, la comunità senegalese di Pescara si è stretta intorno alla sua bara in un abbraccio composto e commosso. La cerimonia del lavaggio del corpo secondo la tradizione musulmana e poi una preghiera…

Continua a leggere